Questo sito NON utilizza cookie di profilazione. Proseguendo nella navigazione si accetta l'utilizzo dei cookie eventualmente di terze parti. Per maggiori informazioni vi invitiamo a leggere l'informativa estesa.
LEGGI E NORME 16-04-2020

Partita la consultazione pubblica sulla Strategia Forestale Nazionale

È disponibile sul sito del Ministero delle politiche agricole, alimentari e forestali la bozza della Strategia Forestale Nazionale per il settore forestale e le sue filiere (SFN). Questo documento, alla cui redazione partecipa anche AIEL in qualità di diretta interessata e portatore di interesse, è in attuazione dei principi e delle finalità di cui agli articoli 1 e 2 del testo Unico Forestale (Dlgs 3 aprile 2018 n. 34) e degli impegni assunti a livello internazionale ed europeo.

Questa strategia aggiorna e sostituisce il Programma quadro per il settore forestale, andando a definire gli indirizzi nazionali. Si incardina in un rinnovato quadro globale, finalizzato a rafforzare il percorso, spesso frammentato, dello sviluppo sostenibile e della lotta e adattamento al cambiamento climatico, intrapreso a livello mondiale e nazionale. La SFN, avrà una validità ventennale e potrà essere aggiornata a seguito di verifiche quinquennali o su richieste istituzionali specifiche e in applicazione a nuovi impegni internazionali. La SFN individua 3 obiettivi generali che rappresentano una declinazione su scala nazionale delle priorità europee e degli impegni definiti in ambito internazionale, definendo il quadro strategico di indirizzo a supporto delle amministrazioni nazionali e regionali competenti in materia:

  • riconosce il patrimonio forestale come risorsa e bene comune primario del Paese e della società
  • riconosce e promuove la Gestione Forestale Sostenibile o gestione attiva (art. 3, comma 2, lettera b) decreto legislativo 3 aprile 2018 n. 34)
  • riconosce il contributo attivo del settore forestale e delle sue filiere nel perseguimento degli impegni internazionali sottoscritti dal Governo italiano in ambito climatico ed energetico, tutela e conservazione della biodiversità, sviluppo della bioeconomia e mantenimento dell'occupazione nelle aree rurali.

Partecipa alla consultazione.