Questo sito NON utilizza cookie di profilazione. Proseguendo nella navigazione si accetta l'utilizzo dei cookie eventualmente di terze parti. Per maggiori informazioni vi invitiamo a leggere l'informativa estesa.
EVENTI 15-11-2019
A Progetto Fuoco 2020 debutta Progetto Bosco in collaborazione con Aiel
Dal 19 al 22 febbraio 2020 a Veronafiere riflettori puntati sull’energia della foresta

L’edizione 2020 di Progetto Fuoco, fiera internazionale biennale dedicata agli impianti e alle attrezzature per la produzione di calore ed energia dalla combustione di legna in programma dal 19 al 22 febbraio 2020 a Veronafiere, si arrichisce di una nuova attrazione: Progetto Bosco. Si tratta di un percorso scenografico e informativo che racconterà il valore del bosco attraverso un’esposizione di oltre 5mila mq dedicata alla meccanizzazione della filiera, con decine di macchine (anche in funzione) e dimostrazioni e che ospiterà un ricco programma di workshop e seminari dedicati all’energia della foresta.

L’area di Progetto Bosco sarà suddivisa in sei zone a tema: Bosco italiano (punto d’ingresso), Gli operatori del bosco; Cambiamenti climatici; Prodotti legnosi; Biocombustibili legnosi; Energia dal legno.

Attraverso un mix di immagini, video, cartellonistiche e dati curati da AIEL, partner tecnico di Progetto Fuoco, si snoderà il racconto sullo stato delle foreste italiane, i risvolti sociali ed economici per le comunità rurali e gli operatori, l’importanza della gestione sostenibile per combattere i cambiamenti climatici, l'entità e il valore dei biocombustibili legnosi e i futuri possibili scenari.

 

Gli oltre 70 mila visitatori attesi per la dodicesima edizione di Progetto Fuoco (19- 22 febbraio 2020, Veronafiere) avranno l’opportunità di entrare in un vero e proprio bosco, ricostruito con le specie autoctone d’Italia per conoscere da vicino lo straordinario patrimonio forestale del Paese e la sua importanza dal punto di vista socio-economico ed ambientale. Basti pensare, infatti, che solo la parte di produzione e trasformazione riguardanti la filiera del legno pesano per l’1% sul prodotto interno lordo nazionale con circa 80mila imprese coinvolte e quasi 500mila occupati. Non solo. L’energia rinnovabile dal legno è la più utilizzata in Italia, con 7,5 Mtep (milioni di tonnellate equivalenti di petrolio) consumati, pari al 70% dell’energia termica rinnovabile totale impiegata.

“Con questo nuovo percorso allestito all’esterno della fiera – spiega il direttore di Piemmeti, società di Veronafiere organizzatrice di Progetto Fuoco, Raul Barbieri – punteremo i riflettori su un pilastro fondamentale della filiera, senza il quale non si potrebbe parlare di riscaldamento e produzione di energia rinnovabile dalle biomasse legnose, e dunque su una parte del settore, quello boschivo, che solitamente non è completamente coinvolto. Sfruttando quindi l’edizione n.12 di Progetto Fuoco come palcoscenico privilegiato, offriremo a espositori e visitatori un ulteriore strumento per accrescere l’importanza e il valore che l’energia della foresta, leitmotiv di Progetto Bosco, ricopre per il comparto su scala nazionale e internazionale”.  

Grande attenzione sarà dedicata al tema dell’innovazione, filo conduttore dell’edizione 2020 di Progetto Fuoco, gazie ad una rassegna espositiva di attrezzature e impianti che vantano le più avanzate tecnologie a disposizione costruite dai migliori costruttori italiani e dai più famosi brand del mondo. Nei 5 mila mq di Progetto Bosco potremo ammirare le ultime novità del mercato all’opera: tra cippatori professionali, piattaforme per la produzione di legna da ardere, macchine taglialegna d’avanguardia, segherie mobili, teleferiche forestali e nuove macchine dedicate all’esbosco del legname.